testata per la stampa della pagina
anagrafe

Dal sito del MInistero dell'Interno si riporta la :"Circolare n. 5493 del 23 agosto 2010 Ministero dell'Interno
Cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale coniugati, con cittadini italiani e dell'Unione europea, in seguito a matrimonio celebrato in altro Stato
Ministero dell'Interno - Direzione Centrale dell'Immigrazione e della Polizia delle Frontiere
Oggetto: Cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale coniugati, con cittadini italiani e dell'Unione europea, in seguito a matrimonio celebrato in altro Stato
Di seguito ai quesiti pervenuti in ordine alla problematica sinteticamente indicata in oggetto, occorre richiamare, in primo luogo, il disposto di cui all'articolo 130 del codice civile ove Ŕ precisato che nessuno pu˛ reclamare il titolo di coniuge e gli effetti del matrimonio, se non presenta l'atto di celebrazione estratto dai registri dello stato civile
Ci˛ premesso, al fine di poter definire le eventuali istanze di autorizzazioni al soggiorno giacenti, si forniscono le seguenti indicazioni di dettaglio.
Nel caso in cui il matrimonio sia stato contratto tra un cittadino straniero ed un cittadino italiano, gli interessati dovranno esibire, per fini probatori, un estratto dell'atto di matrimonio trascritto nei registri dello stato civile di un comune italiano.
Se, invece, il matrimonio Ŕ stato contratto tra un cittadino straniero ed un cittadino dell'Unione europea, la prova della celebrazione, ove occorra, andrÓ fornita tramite idonea documentazione di stato civile rilasciata dai rispettivi Paesi di appartenenza.
Qualora, infine, uno dei due coniugi sia residente in Italia e abbia, di propria iniziativa, provveduto a far trascrivere, nello stesso comune italiano di residenza, l'atto di matrimonio ai sensi dell'articolo 19 del D.P.R. 396/2000, i coniugi potranno produrre, in alternativa, la copia integrale del suddetto atto trascritto (chiaramente, formato estero).
IL DIRETTORE CENTRALE. Rodolfo Ronconi."