testata per la stampa della pagina
anagrafe




"Il governo britannico ha indicato che non vi saranno immediati cambiamenti per quanto riguarda la documentazione necessaria per l'ingresso nel Paese. Per tutto il 2020 le carte d'identitÓ (cartacee ed elettroniche) rimangono valide per l'ingresso nel Regno Unito. Ci˛ non sarÓ pi¨ assicurato a partire dal 1 gennaio 2021. Per chi debba viaggiare a partire da quella data raccomandiamo quindi di prepararsi per tempo e dotarsi di un valido passaporto".
 Fonte: sito Ambasciata d'Italia in Londra.

Con l'entrata in vigore dell"Accordo di recesso" fra il Regno Unito e la Unione Europea, dal 1 febbraio 2020 il Regno Unito ha cessato definitivamente di essere uno Stato membro dell'Unione Europea. Da tale data, Ŕ cominciato un periodo transitorio di 11 mesi durante i quali per i cittadini europei residenti nel Regno Unito e per quelli che vi si recheranno in visita o per lavoro non cambierÓ quasi nulla. Fino al 31 dicembre 2020 sarÓ fatta salva la libertÓ di circolazione e di stabilimento delle persone nei territori dell'Unione, e anche coloro che si trasferiranno in Regno Unito durante tale periodo potranno poi fare richiesta - se lo vorranno - di rimanervi utilizzando il EU Settlement Scheme, lo schema di registrazione cui dovranno ricorrere gli europei che si trovano in territorio britannico entro la fine di dicembre 2020 (data ultima per la registrazione Ŕ il 30.06.2021).

Pubblicate sul sito dell'Ambasciata d'Italia in Londra le domande frequenti sulla Brexit e le sue implicazioni per i cittadini italiani (e in generale UE) residenti nel Regno Unito.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Prossimi corsi in programma: