testata per la stampa della pagina

Donare gli organi: una scelta in Comune

 
 
 
 
 
 

 

Regolamento SIT, firmato il decreto

 

Il Ministro della Salute ha firmato il decreto ministeriale che definisce il regolamento sul Sistema Informativo Trapianti (SIT), previsto dalla legge 91 del 1 aprile 1999. Il decreto costituisce il primo passo per l'attuazione del silenzio assenso alla donazione di organi, ma mancano ancora due provvedimenti. Per questo di fatto si tratta di una conferma delle attuali procedure, per cui nulla cambia sia per gli operatori demografici, sia per i cittadini.

 
 

 
 

Il progetto: Una scelta in Comune

 
 

Gli uffici anagrafe dei Comuni sono stati individuati quali punti di raccolta e registrazione delle dichiarazioni di volontÓ in merito alla donazione di organi e tessuti. A tutti i cittadini maggiorenni, in occasione del ritiro o del rinnovo della carta d'identitÓ, Ŕ offerta una modalitÓ aggiuntiva con la quale esprimere il proprio consenso o diniego alla donazione. L'estensione agli uffici anagrafe tra i luoghi in cui poter dichiarare e registrare il proprio volere sulla donazione di organi e tessuti Ŕ regolamentato dall'art. art. 3, comma 8-bis della Legge 26 febbraio 2010 n. 25 e dal successivo art. 43 del Decreto-Legge 21 giugno 2013 n. 69, cosý come modificato dalla Legge di Conversione 9 agosto 2013 n. 98.

 
 
 
 
 
 

Informazioni per i Comuni

 
 

In questa pagina (>) sono disponibili i materiali e i documenti per la registrazione delle dichiarazioni di volontÓ su donazione e trapianto di organi e tessuti ad uso degli Uffici Anagrafe dei Comuni non ancora raggiunti dal sistema CIE on Line. L'attivazione del servizio Ŕ possibile grazie all'interazione fra il Sistema Informativo Trapianti ed i sistemi informativi comunali, realizzata secondo i principi della cooperazione applicativa. Le soluzioni applicative di cooperazione tra i due sistemi informativi sono disponibili per tutti i Comuni italiani ai sensi del Capo VI, art. 69 D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 recante "Codice dell'amministrazione digitale" (CAD), come modificato dal D.Lgs. 30 dicembre 2010, n. 235. In base alla citata disposizione normativa i Comuni potranno riusare, con gli opportuni adattamenti, i moduli software per la raccolta e trasmissione dei dati al SIT, fino al momento dell'introduzione del sistema CIE presso i propri Uffici.

Per ricevere ulteriori informazioni, scrivere a progettocomuni.cnt@iss.it

 
 

Materiale utile

 
ABILITAZIONE COMUNE
 
 
 
CANCELLAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI VOLONTÀ
 
 
 
CORSO DI FORMAZIONE PER GLI OPERATORI DELL'UFFICIO ANAGRAFE
 
 
 

 
 

I dati aggiornati al 30 aprile 2019

 

Il Centro Nazionale Trapianti ci ha fornito i dati al 30 aprile 2019 sulle dichiarazioni di volontÓ registrate presso i Comuni: ne scaturisce una interessante analisi su base regionale che rappresenta il quadro aggiornato.

Scarica il file qui sotto per visualizzare i grafici completi

 
 
 
 

 
 

Donazione di organi: 5 mln le dichiarazioni di volontà raccolte

 

Toccano quota 5 milioni le dichiarazioni di volontÓ sulla donazione di organi e tessuti. Un chiaro successo del progetto "Una scelta in Comune" che consente al cittadino di esprimere la propria volontÓ in sede di rilascio/rinnovo del documento di identitÓ: nell'arco di 15 mesi, sono raddoppiate le dichiarazioni, con l'80% dei consensi prestati.

ANUSCA da subito ha creduto in questo progetto, di centrale importanza per la crescita civile del nostro Paese, sottoscrivendo un accordo di collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti, siglato in occasione del Convegno Nazionale 2017 e ampliato quest'anno, che ha come obiettivo l'informazione capillare, sui temi della donazione e dell'espressione di volontÓ, degli operatori demografici chiamati ad interfacciarsi con i cittadini al momento del rilascio del documento di identitÓ.

Alleghiamo il comunicato integrale del Centro Nazionale Trapianti corredato da una info-grafica.

 
 
 
 

 
 

Altre importanti comunicazioni del Centro Nazionale Trapianti

 

Il Centro Nazionale Trapianti ci ha informato di una nota inviata ai Comuni dalla Lega Nazionale contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente nella quale vengono indicati 10 motivi per non firmare il modulo circa la donazione organi in occasione del rinnovo del documento di identitÓ.

In risposta a questo comunicato, il Centro Nazionale Trapianti ha predisposto due documenti di precisazioni che alleghiamo per opportuna conoscenza, nei quali vengono illustrati i presupposti di legalitÓ e garanzie su cui si basa la raccolta delle manifestazioni di volontÓ. Si invitano pertanto gli operatori demografici ad una corretta informazione ai cittadini al momento della richiesta di rilascio del documento di identitÓ.