testata per la stampa della pagina

Quesito della Settimana

 
 
 

Ogni settimana Anusca propone un quesito scelto tra i più interessanti risolti dai nostri Esperti. Ricordiamo che fra i servizi per i Soci Individuali e i Comuni iscritti in Quota D è disponibile l'Archivio Quesiti Risolti: una banca dati di migliaia di risposte degli esperti Anusca sempre aggiornata e in quotidiano arricchimento.
CLICCA QUI per consultare l'Archivio Quesiti Risolti

 
 
 
 

 
 
 

Attribuzione nome a cittadino indiano naturalizzato

 

DOMANDA:

 

A seguito attribuzione cittadinanza italiana è stata richiesta a questo ufficio la trascrizione dell'atto di nascita relativo a una minore , di cittadinanza indiana.
Su tale atto non è menzionato il cognome, ma solo il nome composto da due elementi. Anagraficamente invece la stessa è registrata con parte del cognome paterno e con il nome composto dai due elementi come da documentazione presentata all'atto dell'iscrizione.
Si chiede:
1) Posso trascrivere l'atto di nascita anche se incompleto?
2) In caso affermativo quali sono le correzioni da effettuare, che cognome attribuisco alla minore?
3) In caso negativo quale procedura devo attuare?

 
 
 
 
 
 

RISPOSTA (a cura di Renzo Calvigioni):

 

L'atto di nascita deve essere trascritto così come è stata presentato: come sembra di capire, contiene tutti gli elementi relativi alla nascita della minore, tranne l'aspetto relativo al cognome che, probabilmente, secondo l'ordinamento straniero, non è previsto che debba essere riportato nell'atto di nascita.
Se in anagrafe la minore era registrata, quale cittadina straniera, con parte del cognome paterno, sicuramente tale dato sarà quello risultante nel passaporto straniero della medesima (almeno così dovrebbe essere avvenuto), a conferma che quello è il cognome previsto dall'ordinamento straniero del quale era cittadina: pertanto, si tratta di coinvolgere i genitori della medesima, per capire se intendono conservare il cognome risultante nel passaporto o se, invece, imporre il cognome spettante secondo il nostro ordinamento.

Nel primo caso, premesso che è necessario che la minore conservi la cittadinanza di origine anche a seguito dell'acquisto della cittadinanza italiana, da verificarsi tramite documentazione che i genitori dovranno richiedere alla competente autorità consolare straniera o tramite informazioni da chiedere al nostro consolato nello Stato straniero, sarà cura dei genitori chiedere all'ufficiale dello stato civile il rispetto delle generalità originarie e del cognome posseduto, secondo quanto riportato nel passaporto straniero e risultante in anagrafe: l'ufficiale dello stato civile annoterà a margine dell'atto di nascita trascritto che il cognome della minore, pur non risultante nell'atto, è quello di ........... come risultante agli atti (copia del passaporto, iscrizione in anagrafe, documentazione che ha conservato la cittadinanza straniera).
Nel secondo caso, qualora la minore non conservi la cittadinanza di origine o qualora i genitori chiedano l'attribuzione del cognome spettante secondo l'ordinamento italiano, l'ufficiale dello stato civile procederà alla correzione del cognome ai sensi dell'art. 98 c. 2 del dpr 396/2000, attribuendo l'intero cognome paterno, come risulterebbe previsto dal nostro ordinamento.

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 

Questo quesito è stato liberamente tratto da uno dei quesiti a cui gli Esperti ANUSCA rispondono on line a tutti gli associati.
Nel caso in cui gli utenti ravvisassero degli errori o delle imprecisioni, sono pregati di comunicarlo via mail a: coordinamentoquesitionline@anusca.it