testata per la stampa della pagina

Quesito della Settimana

 
 
 

Ogni settimana Anusca propone un quesito scelto tra i pi¨ interessanti risolti dai nostri Esperti. Ricordiamo che fra i servizi per i Soci Individuali e i Comuni iscritti in Quota D Ŕ disponibile l'Archivio Quesiti Risolti: una banca dati di migliaia di risposte degli esperti Anusca sempre aggiornata e in quotidiano arricchimento.


CLICCA QUI per consultare l'Archivio Quesiti Risolti

 
 
 
 

 
 
 

Iscrizione minori con la madre

 
 
 

DOMANDA:

 

Si Ŕ presentata presso lo sportello anagrafe una cittadina italiana per richiedere iscrizione anagrafica per sŔ e per i suoi 2 figli minori.
La signora in questione sta per separarsi dal marito e a suo dire i rapporti sono molto tesi.
A questo punto vi chiedo se devo acquisire l'assenso scritto da parte del marito per il trasferimento di residenza dei minori o Ŕ sufficiente la comunicazione dell'avvio del procedimento .
I due minori sono sprovvisti di documenti d'identitÓ, Ŕ obbligatorio richiederli o posso fare altrimenti?









 
 
 

RISPOSTA: (a cura di Andrea Fontana)

 

Innanzitutto occorre ricordare che l'anagrafe ha la funzione di registrare dal punto di vista amministrativo, quella che Ŕ la reale situazione di fatto relativa alla dimora abituale delle persone.


Pertanto, anche per i minori, vale in ogni caso sempre tenere a mente questo principio, con la conseguenza che se i minori hanno la dimora abituale presso l'abitazione della madre Ŕ lý che devono essere iscritti anagraficamente.
Infatti non esiste alcuna norma anagrafica che subordini la variazione di registrazione dell'indirizzo di residenza del minore ad un eventuale assenso di entrambi i genitori.
Nel caso di specie quindi Ŕ assolutamente corretto procedere a ricevere la dichiarazione di residenza della madre per sÚ e per i 2 figli minori, senza necessitÓ che sia presentato alcun atto di assenso rilasciato dal padre.
Ovviamente, ai sensi di quanto disposto dagli articoli 7 e 8 della legge 241/1990 l'Ufficiale d'Anagrafe Ŕ tenuto a inviare la comunicazione di avvio del procedimento al padre per informarlo dell'avvenuta presentazione della dichiarazione di residenza relativa ai minori e consentire allo stesso di intervenire nel procedimento.
Ma si badi bene, ci˛ non significa che il padre, una volta informato dell'avvio del procedimento, possa impedire la mutazione anagrafica semplicemente manifestando il proprio mancato assenso, ma significa che pu˛ presentare eventuali memorie, osservazioni, documenti, o altre evidenze per dimostrare che la dimora abituale dei minori non Ŕ presso la madre.
Osservazioni che saranno valutate dall'Ufficiale di anagrafe nell'istruttoria, come in qualsiasi procedimento anagrafico volto ad accertare la dimora abituale.
Per quanto riguarda invece i documenti dei minori, nel caso si tratti di iscrizione anagrafica con provenienza da altro comune (ora, in ANPR, definita mutazione anagrafica) non sono in ogni caso elemento indispensabile per procedere.


Infatti l'obbligo di presentazione di un documento di identitÓ Ŕ riferito al soggetto che rende la dichiarazione; nel caso dei minori invece la dichiarazione Ŕ resa, in nome e per loro conto, dal genitore.
Pertanto, nel caso di specie, Ŕ possibile procedere a ricevere la dichiarazione di residenza per i minori, che provengono da altro comune, anche senza la presentazione di alcun documento di identitÓ degli stessi










 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

Questo quesito Ŕ stato liberamente tratto da uno dei quesiti a cui gli EspertiáANUSCA rispondono on line a tutti gli associati.
Nel caso in cui gli utenti ravvisassero degli errori o delle imprecisioni, sono pregati di comunicarlo via mail a: coordinamentoquesitionline@anusca.it