testata per la stampa della pagina

Quesito della Settimana

 
 
 

Ogni settimana Anusca propone un quesito scelto tra i più interessanti risolti dai nostri Esperti. Ricordiamo che fra i servizi per i Soci Individuali e i Comuni iscritti in Quota D è disponibile l'Archivio Quesiti Risolti: una banca dati di migliaia di risposte degli esperti Anusca sempre aggiornata e in quotidiano arricchimento.
CLICCA QUI per consultare l'Archivio Quesiti Risolti

 
 
 
 

 
 
 

Iscrizione anagrafica cittadini UE a carico di cittadini extraUE

 
 
 

DOMANDA:

 

Con la presente si chiede se per iscrivere in anagrafe una cittadina comunitaria, non lavoratrice, siano necessarie la polizza assicurativa che copra le spese sanitarie per almeno un anno e le risorse economiche sufficienti a coprire l'assegno sociale, anche qualora sia coniugata con cittadino extracomunitario residente, lavoratore dipendente e titolare di permesso di soggiorno a tempo indeterminato, e siano genitori di un minorenne, anche questi regolarmente iscritto.
Si chiede altresì se la copertura sanitaria di cui dispongono i militari USA ed estesa anche ai loro familiari possa considerarsi polizza assicurativa per i cittadini dell'Unione.



 
 
 

RISPOSTA (a cura di Noemi Masotti):

 

Ai sensi del Decreto Legislativo n. 30/2007 un cittadino dell'Unione Europea non può essere a carico di cittadino extracomunitario ancorchè familiare di quest'ultimo.
Ciò posto se la signora non ha nessun altro requisito previsto dal suddetto decreto potrà essere iscritta solo se dichiara la disponibilità di risorse economiche sufficiente e dispone di una assicurazione sanitaria che copra da tutti i rischi sanitari sul territorio nazionale di durata almeno annuale.

A tal fine le risorse economiche non necessariamente devono essere proprie ma possono essere anche messe a disposizioni da terzi e quindi anche dal marito.
Per quanto riguarda la polizza sanitaria relative ai militari USA non si ha notizia di casi precedenti e quindi occorre prendere visione di tale polizza per valutare nel concreto e nel caso specifico se la stessa soddisfa i requisiti di cui all'articolo 7 comma 1 lettera b) come chiariti dal Ministero dell'Interno con circolare n. 39 del 18/07/2007.
Al riguardo si suggerisce eventualmente di richiedere una attestazione rilasciabile dalla stessa compagnia assicurativa straniera che garantisce la conformità della stessa polizza ai requisiti previsti dal Decreto Legislativo n. 30/2007.




 
 
 
 

 
 
 

Questo quesito è stato liberamente tratto da uno dei quesiti a cui gli Esperti ANUSCA rispondono on line a tutti gli associati.
Nel caso in cui gli utenti ravvisassero degli errori o delle imprecisioni, sono pregati di comunicarlo via mail a: coordinamentoquesitionline@anusca.it