testata per la stampa della pagina

Quesito della Settimana

 
 
 

Ogni settimana Anusca propone un quesito scelto tra i più interessanti risolti dai nostri Esperti. Ricordiamo che fra i servizi per i Soci Individuali e i Comuni iscritti in Quota D è disponibile l'Archivio Quesiti Risolti: una banca dati di migliaia di risposte degli esperti Anusca sempre aggiornata e in quotidiano arricchimento.


CLICCA QUI per consultare l'Archivio Quesiti Risolti

 
 
 
 

 
 
 

E' possibile la residenza su una barca?

 
 
 

DOMANDA:

 

Un cittadino italiano, proprietario di un'imbarcazione da diporto, ormeggiata nel porto turistico di questo Comune, ha presentato istanza di iscrizione anagrafica nell'Area Porto turistico - Pontile R, posto barca n. 8, collocazione assegnata dalla nostra direzione del porto. L'interessato svolge attività di noleggio/ locazione (iscritta nei registri della Camera di Commercio), su un motoveliero di 13 metri. Istruita la pratica ed esperiti gli accertamenti da parte della Polizia Locale è emerso che: il richiedente è sempre stato presente al momento della verifica, dichiarando di dimorare presso l'imbarcazione dai primi del mese di novembre 2017 ed utilizzando i servizi annessi al porto turistico dove l'imbarcazione è ormeggiata.
Constatati gli accertamenti positivi da parte della Polizia Locale, ho concluso positivamente il procedimento di iscrizione anagrafica.
Chiedo se il mio operato è stato eseguito correttamente e se effettivamente è possibile iscrivere nel registro della popolazione residente un cittadino con la residenza su una barca.

 
 
 
 
 

RISPOSTA: (a cura di Romano Minardi)

 

La particolare condizione abitativa descritta nel quesito non si sottrae all'applicazione della normativa anagrafica che, come è noto, prevede il diritto/dovere di iscrizione anagrafica nel luogo di effettiva dimora abituale, qualunque esso sia!

Nel nostro Paese è piuttosto raro che una persona decida di abitare stabilmente su una imbarcazione, mentre in altri Paesi (es: Olanda e Francia) si tratta di una situazione piuttosto comune. Dunque, se la persona indicata nel quesito abita, di fatto, sulla sua imbarcazione, ha diritto all'iscrizione anagrafica in tale luogo all'indirizzo corrispondente al posto barca assegnato.
Naturalmente, più la condizione abitativa è particolare e più accurate dovranno essere le indagini e gli accertamenti.


Il primo e più importante accertamento che deve essere eseguito in questi casi, oltre ad accertare la presenza della persona sull'imbarcazione e l'esistenza di strutture anche minime per la possibilità di dimorarvi, è la verifica effettuata nella precedente abitazione; tale accertamento che, nel caso di provenienza da altro comune deve essere chiesto all'ufficio anagrafe di quel comune, dovrà escludere che l'interessato abbia reso una dichiarazione falsa in quanto, di fatto, abbia mantenuto la disponibilità dell'abitazione precedente e che questa continui ad essere la sua dimora abituale e/o principale.


 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

Questo quesito è stato liberamente tratto da uno dei quesiti a cui gli Esperti ANUSCA rispondono on line a tutti gli associati.
Nel caso in cui gli utenti ravvisassero degli errori o delle imprecisioni, sono pregati di comunicarlo via mail a: coordinamentoquesitionline@anusca.it