testata per la stampa della pagina

Quesito della Settimana

 
 

Ogni settimana Anusca propone un quesito scelto tra i più interessanti risolti dai nostri Esperti.

 
 
 
 
 
 

Ricordiamo che fra i servizi per i Soci Individuali e i Comuni iscritti in Quota D ed E Ŕ disponibile l'Archivio Quesiti Risolti (a sinistra): una banca dati di migliaia di risposte degli esperti Anusca sempre aggiornata e in quotidiano arricchimento.

Se invece hai perso qualche uscita nelle settimane precedenti puoi cercala nell'Archivio dei Quesiti della Settimana (a destra).

 
 
 
.
.
 
 
 

 
 

Cremazione di cittadino straniero

 
 
 

DOMANDA:

 

Una cittadina della Georgia Ŕ deceduta in Italia e le figlie riferiscono che la stessa ha espresso la volontÓ di essere cremata. I familiari hanno contattato l'ambasciata per richiedere il rilascio di un nulla osta, ma le autoritÓ georgiane hanno sostenuto che non esiste in Georgia una legge che disciplini la cremazione per i propri cittadini e, pertanto, non rilascerÓ il documento richiesto. Qualora i familiari non fossero in grado di farsi rilasciare nessun documento, dovremmo optare per un semplice seppellimento, anche andando contro la volontÓ della defunta? O potrebbe bastare un processo verbale delle figlie? Preciso che le ceneri rimarrebbero in Italia.

 
 
 

RISPOSTA: (a cura di Claudio Pagano)

 

Nella situazione rappresentata si riferisce che l'autorizzazione alla cremazione costituisce un diritto della personalitÓ e, pertanto l'articolo 24, della Legge 31 maggio 1995, n. 218, di riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato opera rinvio alla legge nazionale cui la persona era soggetta quando era ancora in vita come alla legge regolatrice dei diritti della personalitÓ. Conseguentemente l'autorizzazione alla cremazione va accordata necessariamente sulla base delle norme che disciplinano la cremazione (laddove consentita!) nell'ordinamento giuridico cui il cadavere era in vita soggetto. Nella circostanza, avendo l'autoritÓ straniera escluso la possibilitÓ di rilasciare il nulla osta alla cremazione, non si potrÓ fare altro che negare il rilascio dell'autorizzazione alla cremazione del cadavere della cittadina straniera. Laddove i familiari vogliano perseguire la volontÓ della defunta dovranno rivolgersi al Giudice per ottenere una diversa valutazione che all'Ufficiale dello Stato Civile non Ŕ concessa dalla legge italiana. In alternativa, i familiari potranno optare per l'inumazione ovvero per la tumulazione.

 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

Questo quesito Ŕ stato liberamente tratto da uno dei quesiti a cui gli Esperti ANUSCA rispondono on line a tutti gli associati. Nel caso in cui gli utenti ravvisassero degli errori o delle imprecisioni, sono pregati di comunicarlo via mail a: coordinamentoquesitionline@anusca.it