testata per la stampa della pagina

Quesito della Settimana

 
 
 

Ogni settimana Anusca propone un quesito scelto tra i più interessanti risolti dai nostri Esperti. Ricordiamo che fra i servizi per i Soci Individuali e i Comuni iscritti in Quota D è disponibile l'Archivio Quesiti Risolti: una banca dati di migliaia di risposte degli esperti Anusca sempre aggiornata e in quotidiano arricchimento.


CLICCA QUI per consultare l'Archivio Quesiti Risolti

 
 
 
 

 
 
 

Reiscrizione Anagrafica di Cittadina UE

 
 
 

DOMANDA:

 

Cittadina comunitaria iscritta dal 23/05/2007 proveniente dalla Bulgaria, cui è stata rilasciata l'attestazione di regolare soggiorno il 04/06/2007 con contratto di lavoro, cancellata per irreperibilità il 30/05/2017 (avvio procedimento 20/5/2016), ricompare il 20/11/2017 ad altro indirizzo nello stesso Comune.
E' necessario che vengano verificati i requisiti in base al Decreto Legislativo n. 30/2007?

 
 
 

RISPOSTA: (a cura di Andrea Dallatomasina)

 

Certamente sì.La precedente attestazione di regolarità del soggiorno semplice e non permanente attesta semplicemente che in quel momento la persona era in possesso dei requisiti, null'altro.
Trattandosi di nuova iscrizione in anagrafe e non di trasferimento di residenza (a meno che non si voglia mettere in discussione la cancellazione per irreperibilità di maggio e arrivare all'annullamento in autotutela ricorrendone i presupposti) è necessario procedere alla verifica dei requisiti indicati in particolare (ma non solo) all'articolo 7 del Decreto Legislativo 6 Febbraio 2007, n. 30.

 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

Questo quesito è stato liberamente tratto da uno dei quesiti a cui gli Esperti ANUSCA rispondono on line a tutti gli associati. Nel caso in cui gli utenti ravvisassero degli errori o delle imprecisioni, sono pregati di comunicarlo via mail a: coordinamentoquesitionline@anusca.it