testata per la stampa della pagina
anagrafe

Dal sito del Ministero dell'Interno si riporta la new su:
"Il decreto rimpatri Ŕ legge.
Nel provvedimento, approvato al Senato senza modifiche, Ŕ prevista l'espulsione immediata per gli stranieri considerati pericolosi per ragioni di ordine pubblico, per la sicurezza nazionale o a rischio di fuga.
Con 151 voti a favore, 129 contrari e nessun astenuto, l'assemblea del Senato ha approvato oggi in via definitiva il decreto legge n. 89 del 23 giugno 2011 recante misure di recepimento delle direttive europee sulla libera circolazione dei cittadini e sul rimpatrio degli immigrati irregolari.
Tra le norme contenute, Ŕ previsto il prolungamento da sei a diciotto mesi del trattenimento degli immigrati irregolari nei Centri di identificazione ed espulsione. Espulsione immediata, invece, con provvedimento delle autoritÓ di polizia, per gli stranieri considerati pericolosi per ragioni di ordine pubblico, per la sicurezza nazionale o a rischio di fuga.Il provvedimento, inoltre, introduce il 'permesso di soggiorno per motivi umanitari' ed il 'rimpatrio volontario assistito' che pu˛ sostituire, in alcuni casi, il rimpatrio coatto degli immigrati clandestini. In questo caso l'immigrato pu˛ ottenere dal prefetto un termine da 7 a 30 giorni per il ritorno in patria."
 
Per completezza di informazione alleghiamo la circolare del Dipartimento di Pubblica Sicurezza n.5188 del 29 giugno 2011.