testata per la stampa della pagina
stato civile

Emanata dal Ministero dell'Interno in data 17 dicembre 2019 la  circolare n. 14 recante "Regolamento (UE) 2016/1191 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 luglio 2016 che promuove la libera circolazione dei cittadini. Moduli standard multilingue. Art.14 "Richieste di informazioni in caso di ragionevole dubbio".
I cittadini che vivono in uno Stato dell'UE diverso da quello di origine spesso devono presentare alle autoritÓ dello Stato membro di residenza un documento pubblico, quali ad  esempio un certificato di nascita per il matrimonio, di decesso, di matrimonio..
Con l'entrata in vigore in data 16 febbraio 2019 del  regolamento UE sui documenti pubblici (regolamento (UE) 2016/1191), molte delle formalitÓ amministrative quali  l'obbligo della legalizzazione ovvero dell'apposizione dell'Apostille o la traduzione in lingua italiana di alcuni documenti pubblici  sono state soppresse mediante l'istituzione di moduli standard multilingue ( a beneficiare di tale regime agevolato rientrano i certificati di nascita, di matrimonio, di morte, di stato civile, di filiazione, compresi la capacitÓ di contrarre matrimonio, l'unione registrata, il domicilio e/o la residenza, l'assenza di precedenti penali). Il regolamento UE introduce anche salvaguardie contro i documenti pubblici fraudolenti: se sussistono dubbi ragionevoli sull'autenticitÓ di un documento pubblico presentatole, l'autoritÓ ricevente potrÓ accertarsene con l'autoritÓ di emissione nell'altro Stato membro attraverso la piattaforma informatica esistente," IMI". Con la citata circolare n.14/2019 il Ministero dell'Interno detta le modalitÓ  per la verifica della autenticitÓ dei documenti ufficiali prodotti o delle loro copie autentiche.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Prossimi corsi in programma: