testata per la stampa della pagina
stato civile




La Corte di Cassazione con la sentenza n.13000 del 15 maggio 2019 ha affermato che "in caso di nascita mediante tecniche di procreazione medicalmente assistita, l'art. 8 della legge n. 40 del 2004 sullo status del nato con PMA si applica - a prescindere dalla presunzione ex art. 234 c.c. - anche all'ipotesi di fecondazione omologa post mortem avvenuta utilizzando il seme crioconservato del padre, deceduto prima della formazione dell'embrione, che in vita abbia prestato, congiuntamente alla moglie o alla convivente, il consenso, non successivamente revocato, all'accesso a tali tecniche ed autorizzato la moglie o la convivente al detto utilizzo dopo la propria morte".

- Fonte: sito Corte di Cassazione

Il citato art. 8 della Legge n.40/2004 recita "1. I nati a seguito dell'applicazione delle tecniche di procreazione medicalmente assistita hanno lo stato di figli legittimi o di figli riconosciuti della coppia che ha espresso la volontÓ di ricorrere alle tecniche medesime ai sensi dell'articolo 6".

Pertanto, in caso di nascita in Italia conseguente a una fecondazione omologa post mortem l'Ufficiale di stato civile competente forma l'atto di nascita con indicazione delle generalitÓ di entrambi i genitori attribuendo al nato il cognome del padre defunto, a condizione che chi rende la dichiarazione di nascita possa attestare che il defunto, in vita, aveva dato il consentito all'accesso alle tecniche insieme alla moglie o alla convivente e aveva autorizzato l'una o l'altra all'impiego post mortem del proprio seme crioconservato.

- cfr. Sentenza Corte Cassazione - Prima Sezione civile n. 13000 del 15 maggio 2019.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Prossimi corsi in programma: