testata per la stampa della pagina

41° Convegno Nazionale Anusca

 

LE ESCURSIONI 2022

 

Per intrattenere gli accompagnatori degli operatori iscritti al XLI Convegno Nazionale, Anusca come da tradizione ha pensato a un piacevole programma di gite alla scoperta di alcune affascinanti e caratteristiche località nei dintorni di Abano Terme.

► Ricordiamo agli interessati che per partecipare è necessario effettuare la prenotazione presso la Segreteria ANUSCA entro le ore 12.00 di martedì 29 novembre.

 
 

 
 

Martedì 29 novembre 2022

TREVISO

 

pomeriggio (14:00 - 18:30)

 
 
 

Treviso è una città da visitare in ogni stagione, con il passo lento di chi vuole assaporarne ogni angolo, scoprire scorci originali, respirare la tranquilla vita cittadina. Cuore della città e luogo di incontro dei trevigiani è piazza dei Signori con il suo Palazzo dei Trecento e l'elegante Loggia Dei Cavalieri.

I due fiumi, Sile e Cagnan, s'insinuano tra le vie e donano un fascino unico al centro storico racchiuso dalle antichissime mura. Le case porticate con le belle facciate affrescate che si riflettono sul canale dei Buranelli e l'Isola della Pescheria, creata nel fiume Cagnan per ospitare il mercato del pesce, raccontano lo stretto legame di Treviso con le sue acque.

Il tour pomeridiano della città prevederà l'accompagnamento diretto e costante di una guida turistica ufficiale, la quale scorterà i partecipanti alla visita di tutti i maggiori luoghi di interesse fino all'orario di rientro nei rispettivi hotel previsto attorno alle 18:30.

 
 

 
 

Mercoledì 30 novembre 2022

ASOLO - STRADA DEL PROSECCO - ABBAZIA SANTA MARIA DI FOLLINA

 

giornata intera (8:30 - 18:30)

 
 
 

Per la seconda giornata, quella centrale, il programma prevede come prima tappa una visita all'incantevole borgo medievale di Asolo. Immersa nelle colline trevigiane, la città che Carducci definì "dai cento orizzonti" per la bellezza del paesaggio circostante, tanto che lo stesso Giorgione la riprodusse più volte nelle sue tele, fu sfarzosa corte rinascimentale al tempo di Caterina Cornaro, regina di Cipro a fine Quattrocento. Da qui i partecipanti proseguiranno incanalandosi lungo l'incantevole Strada del Prosecco. L'itinerario gastronomico-culturale che da Valdobbiadene porta a Conegliano è un percorso di oltre 90 chilometri che attraversa un territorio ricco di fascino, di suggestioni ed attrattive storiche ed artistiche, di sorprese e proposte, spesso inaspettate, e quasi custodite perché preziose.

All'ora di pranzo è prevista una gustosa sosta alla Cantina Fasol Menin. Qui i partecipanti potranno effettuare un tour guidato della cantina con annesso pranzo degustazione di una selezione di vini del territorio e assaggio dei migliori prodotti locali.

Una volta ripartiti il pullman riporterà gli ospiti Anusca lungo la strada panoramica che attraversa le colline del Prosecco fino ad arrivare all'Abbazia cistercense di Santa Maria di Follina, in provincia di Treviso. Detta anche di Sanavalle (Sanavallis), l'Abbazia era un monastero cistercense, ora sede della parrocchia di Follina. Attualmente ha il titolo di basilica minore. Fondata nel XII secolo è stata per molti secoli un'isola spirituale e di pace tra le vicissitudini storiche che hanno insanguinato le signorie medioevali venete. La basilica è della prima metà del 1300. Illustri personaggi medioevali hanno frequentato queste mura cercando ristoro o riposo tra l'umano ed il divino. Dopo la caduta della Serenissima Repubblica di Venezia il monastero ha subito un lento ed inarrestabile degrado fino a perdere i connotati monastici per diventare parrocchiale. Un fortunato e lungimirante intervento di salvaguardia e restauro è stato mirabilmente compiuto subito dopo la prima guerra mondiale.

 
 

 
 

Giovedì 1 dicembre 2022

MONSELICE - ARQUÀ PETRARCA

 

mattina (8:30 - 12:30)

 
 
 

Per concludere in bellezza la tre-giorni di escursioni Anusca porterà il gruppo degli accompagnatori alla scoperta delle bellezze di due vere e proprie perle dei Colli Euganei.

Antica città fortificata nata lungo l'antico corso dell'Adige, Monselice conserva ancora l'atmosfera del borgo medievale inserito nel suggestivo panorama dei Colli. Visitando il centro cittadino i partecipanti incontreranno l'antica Torre civica e il Castello, fortezza risalente all'alto Medioevo, ristrutturato da Ezzelino da Romano e ampliato dai Carraresi. A distanza di quasi otto secoli il suo fascino rimane inalterato. Oltre a questo, in caso il meteo lo permetta, entrando dalla Porta Romana si potrà iniziare una suggestiva passeggiata lungo il Santuario Giubilare delle Sette Chiese, un piccolo pellegrinaggio che termina sul complesso monumentale di Villa Duodo.

Il borgo medievale di Arquà Petrarca mantiene il fascino e la quiete che conquistarono il poeta Francesco Petrarca, tanto da essere stata ammessa nel ristretto club dei "Borghi più Belli d'Italia" ricevendo l'elezione a Bandiera Arancione del Touring Club. Molti i siti e i monumenti di interesse storico e culturale che il borgo racchiude. Su piazza Roma si affacciano Palazzo Contarini, in stile gotico veneziano; la Chiesa di S. Maria Assunta, al cui interno si ammira la pregevole tela dell'Ascensione, opera di Palma il Giovane; nell'adiacente sagrato si trova la tomba del Petrarca, un'arca in marmo rosso di Verona che tuttora contiene le spoglie del Poeta. Come d'obbligo per chiunque giunga ad Arquà gli ospiti Anusca effettueranno una visita alla casa in cui abitò il Petrarca. Immerso in un grazioso giardino, l'edificio conserva una serie di cimeli storici e opere appartenuti al Poeta.